Conservare il caffè nel modo giusto è importante per evitare un decadimento più rapido del macinato e il suo irrancidimento. Mantenere intatto l’aroma del caffè è essenziale per deliziare il palato con un ottimo espresso italiano, indipendentemente dalla macchina da caffè e dal macinacaffè adoperati per la preparazione della bevanda.
In questo articolo Caffè Italia condivide alcuni preziosi suggerimenti per la corretta conservazione del caffè tostato all’interno della cucina di casa.

Caffè Espresso Italiano

Il sacchetto: il metodo migliore

Lasciare il caffè all’interno del sacchetto in cui viene fornito rappresenta il metodo migliore per conservarlo e ottenere un perfetto espresso italiano. Ma quali vantaggi ha conservare il caffè nella confezione originale?

  • Traspirazione dei gas: ciascuna confezione è progettata per lasciare traspirare i gas (principalmente anidride carbonica) che si formano all’interno del sacchetto a causa della fermentazione del caffè. In questo modo, il caffè non viene a contatto con l’aria, che ne disperde l’intensità aromatica in pochi giorni.
  • Anti-invecchiamento: il sacchetto impedisce alla luce di penetrare e quindi evita l’invecchiamento veloce del caffè.

Caffè Espresso Italiano

Se preferite travasare il caffè

Come già anticipato in precedenza, il caffè ha necessità di far traspirare l’anidride carbonica e di essere conservato al buio, lontano dalla luce. Per questo, se avete esigenza di travasare il caffè, la soluzione migliore è trasferirlo in un contenitore apposito, rispondente alle caratteristiche che favoriscono la corretta conservazione del caffè.

Congelare il caffè: è giusto o sbagliato?

Avete acquistato una confezione di caffè in più e non sapete come preservarla più a lungo? In questo caso è possibile congelarla, lasciando il caffè all’interno della confezione originale. Nel caso in cui non fosse necessario conservare così a lungo il caffè, è sempre meglio evitare di provocare sbalzi di temperatura e non riporre il caffè in freezer per preparare un espresso italiano a regola d’arte. La permanenza nel congelatore, infatti, deprime gli aromi e danneggia i grassi naturali.

Espresso Italiano

Il posto migliore per conservarlo

Passiamo ora al luogo in cui conservare il caffè: qual è la soluzione migliore? Solitamente il caffè viene riposto nella dispensa o all’interno di un mobiletto in cucina, ma questo non è il posto migliore per impedire la dispersione ed il deterioramento della fragranza del caffè. Il frigo invece, fresco e buio, permette ai chicchi o alla polvere di caffè di conservarsi al meglio, impedendo al calore di provocare il loro irrancidimento. Potrete così gustare un perfetto caffè espresso italiano.

Entro quanto tempo è opportuno consumare il caffè?

Idealmente, sarebbe preferibile consumare una confezione di caffè entro due o tre settimane dall’acquisto, in quanto le qualità del caffè tostato iniziano a deteriorarsi circa due settimane dopo la sua produzione. Se lasciato aperto per alcuni mesi, noterete un cambiamento nel sapore del caffè, tuttavia possiamo assicurarvi che il vostro caffè espresso italiano non sarà nocivo alla salute.